mercoledì 13 settembre 2017

Divier Nelli - Il giorno degli orchi


Chi segue la nostra rubrica sa che di solito non parliamo di gialli di autori italiani contemporanei, preferendo romanzi la cui distanza geografica e temporale da noi induca in teoria a una maggior serenità di giudizio. Stavolta, però, facciamo eccezione per Il giorno degli Orchi del viareggino Divier Nelli (1974), uscito per Guanda nella primavera di quest'anno, che ci ha favorevolmente colpito per alcuni motivi. La trama: la giovanissima Aurora, conscia fin dall'adolescenza della possibilità di usare il suo fascino per sedurre anche uomini adulti, matura l'idea di adescare, con falsi account e false foto, dei pedofili in rete per poi ricattarli. La cosa funziona, i guadagni e gli account si moltiplicano, finché il gioco perverso le sfugge di mano, nel momento in cui uno degli Orchi risale alla sua identità e minaccia da vicino la sua stessa vita... Spicca, in questo libro, la felice molteplicità dei piani di lettura: lo si può leggere come un thriller aggiornato sulla contemporaneità (con un finale esemplare, feroce e imprevedibile), o come un romanzo senza aggettivi, dalle tematiche peraltro attualissime: la solitudine degli adulti, l'incomunicabilità tra genitori e figli, i pericoli del web... E restano impressi, alla fine, lo scioccante ritratto psicologico e l'inquietante e cinica amoralità che sembrano qui caratterizzare l'immaginario adolescenziale, coniugati con scelte linguistiche crude e potenti. Un romanzo, insomma, che sta dentro a un genere, ma lo sopravanza.

* Luigi Guicciardi (Modena, 1953) è uno scrittore e insegnante di italiano, docente di lettere. Di lontane origini siciliane, ha creato il personaggio del commissario Cataldo, protagonista di una serie di romanzi polizieschi. 
La 16° indagine del commissario Cataldo è reperibile nelle migliori librerie o ordinabile sul circuito online: Una Tranquilla Disperazione